ASSOMINERARIA - Società Geologica Italiana

Workshop Idrocarburi e sismicità

Roma, 12 Novembre, 2014

 

Scienza e Trasparenza per la sostenibilità delle attività estrattive

 

Le competenze scientifiche e la conoscenza del sottosuolo rendono le attività minerarie sicure, compatibili con l’ambiente, economicamente efficienti, e foriere di innovazione tecnologica. L’esame della potenziale correlazione fra attività di ricerca, produzione e stoccaggio di idrocarburi e sismicità necessita quindi di rigore scientifico, di metodologie comprovate e di massima trasparenza delle informazioni.

 

Il mondo scientifico italiano e internazionale è stato protagonista del workshop su “Idrocarburi e Sismicità” organizzato oggi a Roma da Assomineraria e Società Geologica Italiana, in collaborazione con l’Ordine Regionale Geologi Lazio e con il patrocinio di ISPRA – Servizio Geologico.

 

Il Presidente di Assomineraria Giuseppe Tannoia ha aperto il workshop sottolineando che “Assomineraria lavora per la trasparenza e un’informazione corretta, scientifica e basata su diverse fonti: queste sono le basi per superare qualsiasi incomprensione”.

 

La giornata, composta di diversi momenti di approfondimento scientifico, si è aperta con una analisi dell’attività di Esplorazione e Produzione in Italia e del relativo contesto normativo, tra i più rigorosi a livello internazionale. Il workshop si è poi concentrato sulle caratteristiche sismotettoniche del nostro Paese e sul monitoraggio dei fenomeni sismici in relazione allo sfruttamento del sottosuolo, illustrati dai massimi esperti accademici e della ricerca. In Italia l’attività di monitoraggio geodinamico dei giacimenti di idrocarburi risale alla fine degli anni ’70, e ha visto svilupparsi numerose reti di controllo. In questo campo, la centralità di metodologie certificate e comprovate implica una continua innovazione tecnologica e l’evoluzione del bagaglio di conoscenze e competenze sui fenomeni del sottosuolo.

 

La trasparenza e il rigore scientifico sull’argomento “Idrocarburi e Sismicità” si avvalgono di un importante esempio: il Laboratorio Cavone in Emilia Romagna, per il quale il contributo di Ministero, Regione e Operatori è stato fondamentale. Nel quadro del LabCavone, un gruppo di sei autorevoli docenti internazionali ha condotto uno studio scientifico ufficialmente validato dall’Ingv. Gli autori dello studio – presenti al Workshop – hanno lavorato sulla base di oltre un milione di dati raccolti tra aprile e luglio 2014, integrandoli in un modello geodinamico 3D alimentato con i dati di monitoraggio raccolti in oltre venti anni. Uno strumento innovativo per la metodologia e per la chiarezza dei risultati.

 

L’avanzamento dei lavori e i risultati dello studio sono stati caratterizzati da una totale trasparenza grazie alla messa on line di due siti dedicati. Inoltre da oggi, attraverso il sito assominerariacavone.org, studenti, ricercatori e accademici potranno richiedere l’intero database del monitoraggio del sito di Cavone per approfondimenti e tesi di laurea. Infine, si segnala che i lavori del workshop verranno interamente ripresi e riproposti sui canali Youtube della SGI e di ISPRA.

PROGRAMMA

9:45 Benvenuto e introduzione Giuseppe Tannoia, Assomineraria
Carlo Doglioni, Società Geologica Italiana
Chairman Pietro Cavanna
10:00 Il contesto normativo Franco Terlizzese e Liliana Panei, DGRiME - Ministero Sviluppo Economico
10:20 Oil&Gas in Italia Eugenia Famiglietti, Nomisma Energia (disponibile su richiesta)
10:40 Sismotettonica italiana Carlo Doglioni, Università La Sapienza di Roma
11:10 Giacimenti di idrocarburi e sismicità stimolata in Appennino settentrionale Davide Scrocca, CNR
11:40 Il contributo di Assomineraria al Laboratorio Cavone Francesco Italiano, Assomineraria
11:50 La modellistica geo-meccanica come strumento di monitoraggio e gestione del potenziale di indurre sismicità dalle attività di coltivazione di idrocarburi Bradford H. Hager, MIT con Luciana Astiz, UCSD, Cliff Frohlich, U. Texas, Ruben Juanes, MIT, Andreas
Plesh, Harvard U.
12:30 LUNCH
Chairman Carlo Doglioni
13:30 Linee guida per il monitoraggio - MiSE Aldo Zollo, Università degli Studi di Napoli Federico II
13:50 Il Rapporto del Tavolo di Lavoro ISPRA Chiara D’Ambrogi, ISPRA
14:10 Il monitoraggio sismico delle attività di sfruttamento del sottosuolo per la produzione di energia Enrico Priolo, OGS - Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale
Chairman Claudio Velardi, Link Campus University
Tavola rotonda: Giorgio Zampetti, Legambiente
Gilberto Dialuce, DGRiME - Ministero Sviluppo Economico
Pietro Cavanna, Assomineraria
Carlo Doglioni, Società Geologica Italiana
Giuseppe Tannoia, Assomineraria
Q&A
15:15 Conclusioni: Giuseppe Tannoia, Assomineraria