Miniere e Cave
La Disciplina
SHARE

 

 

 

codice minerario - copertina web 201

Leggi e scarica gli indici 
Tomo 1 ( pdf2 21k)
Tomo 2 ( pdf2 13k)
Tomo 3 ( pdf2 20k)

È stato pubblicato nel 2003 il trattato di diritto minerario Miniere e Cave tra disciplina nazionale e regionale, redatto dal Prof. Avv. Marco Sertorio (Presidente del Settore Minerario) e comprende due ulteriori volumi: uno dedicato alla legislazione nazionale di riferimento e l’altro alle legislazioni regionali.
La pubblicazione è stata presentata alla
Convention “I Minerali per l’industria il 9 e il 10 giugno 2003 a Torino.

Nella prefazione l’Autore sottolinea le ragioni di quest’opera dovute essenzialmente alla rivoluzione della materia per il trasferimento delle miniere e delle cave dallo Stato alle Regioni e per la sempre maggiore incidenza in materia dei valori ambientali.

Le Regioni, a partire dalla fine degli anni 70, hanno incominciato a dettare nuove norme in materia di cave e torbiere, rinnovandole profondamente sotto gli imperativi della tutela ambientale che in quell’epoca sono esplosi e si sono diffusi, fino a diventare sensibilità comune di tutti.

Sertorio ricorda che l’elemento fondamentale della riforma del diritto minerario del 1927 si incentrava nella distinzione fra minerali di prima categoria (miniere) e quelli di seconda categoria (cave e torbiere). Una divisione che trovava la giustificazione nel concetto che i minerali della prima categoria erano considerati strategici rispetto a quelli della seconda. Viceversa le cave sono assurte oggi a settore di maggior valore e trainante per il Paese sotto il profilo economico e questo di pari passo con la scomparsa dei minerali metalliferi. Se poi si prendono in considerazione le normative relative a tale settore, che tutte le Regioni hanno espresso, appare oggi come la materia delle cave emerga a pari dignità e a pari interesse (e anche di più) rispetto a quella mineraria. La recente riforma costituzionale del 2001 ha ulteriormente modificato il quadro di riferimento, avendo trasferito anche la gestione delle miniere alle Regioni.

Di questo ha tenuto conto l’opera che si presenta divisa in due parti: una dedicata alla disciplina nazionale, tendenzialmente dedicata alle miniere e l’altra alla disciplina regionale, sinora in maggior parte dedicata alle cave. Poche Regioni infatti hanno emanato norme in materia di miniere.
Il lavoro intende svolgere anche una funzione di servizio per gli operatori del settore. Si è dato spazio alle fonti normative che non si presentano di facile reperimento e consultazione, soprattutto con riferimento alle leggi regionali. E a questo proposito si tiene conto del ricco contributo fornito negli anni dai pareri del Consiglio Superiore delle Miniere che sono rimasti inediti, sinora solo raccolti e reperibili presso gli Uffici del Ministero delle Attività Produttive.

 

Leggi l’inserto speciale pubblicato da Ambiente&Sicurezza “Il Sole 24 Ore” (pdf2 861K)

 

Scarica l’indice degli aggiornamenti del 20132010/2011200920062004