Bilancio di Sostenibilità di Eni nel mondo 2015
SHARE

31 Maggio, 2016

 

 

eni_for_2015_report_web_

Scarica il Bilancio di Sostenibilità

Il 2015 è stato un anno importante che ha visto la comunità internazionale e l’opinione pubblica dialogare e dibattere alla ricerca di un nuovo paradigma di sviluppo sostenibile e di un modello energetico low carbon.

 

La conferenza internazionale sulla Finanza per lo Sviluppo delle Nazioni Unite, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite per il lancio dei nuovi obiettivi di sviluppo sostenibile (SDGs) e la conferenza di Parigi sul clima (COP 21) hanno segnato momenti importanti di questo dibattito.
Anche l’enciclica Laudato si’ di Papa Francesco ci invita a “coltivare e custodire il giardino del mondo” richiamando ognuno di noi alla propria responsabilità per il futuro del pianeta.

 

Questo significa che anche le imprese devono essere protagoniste del cambiamento, adeguando i loro modelli di business, per contribuire al bene comune, e creare valore nel lungo periodo.

Eni da sempre porta avanti un approccio sostenibile, orientato al territorio, con un percorso di crescita insieme ai Paesi che punta al loro sviluppo anche in settori diversi da quello degli idrocarburi, e che promuove la tutela dell’ambiente, la salvaguardia della salute e la sicurezza come priorità assolute.

 

Tutte le nostre iniziative su scala locale e globale nascono dall’ascolto delle persone, il nostro modo di esprimere il rispetto per le diverse culture. Noi siamo locali, viviamo con le comunità locali, lavorando per metterli nelle condizioni di raggiungere uno sviluppo sostenibile e duraturo.

 

Siamo stati i primi a cercare e produrre gas non solo per l’esportazione, ma anche per lo sviluppo dei mercati locali costruendo le infrastrutture per la produzione di energia elettrica e il suo consumo.
L’accesso all’energia è infatti una delle condizioni essenziali per lo sviluppo e la crescita delle economie.

 

Abbiamo rischiato come azienda, investendo in progetti lontani dal core business e mettendo le nostre competenze al servizio delle comunità.

Abbiamo trasferito know-how e fornito energia pulita, rispettando l’ambiente e il territorio e così, prendendoci dei rischi insieme ai Paesi che ci hanno ospitato, per crescere insieme.

Ed il nostro impegno nei Paesi è stato anche quello di aiutare la diversificazione delle loro economie, migliorando l’assistenza sanitaria e le infrastrutture, e promuovendo l’istruzione e la formazione.

Consideriamo i territori in cui lavoriamo come la nostra casa e per questo abbiamo come priorità la salvaguardia della salute, della sicurezza e dell’ambiente di chi ci abita e ci lavora.
Monitoriamo costantemente la salute delle nostre persone, anche attraverso verifiche costanti sugli eventuali impatti sanitari delle nostre attività.
La stessa attenzione è posta alla sicurezza di chi lavora con noi. Da anni investiamo in formazione e per la diffusione della cultura della sicurezza a tutti i livelli della nostra organizzazione, riducendo, negli ultimi 3 anni, del 47% l’indice degli infortuni, ponendoci al top dell’industria.

 

Con lo stesso impegno guardiamo all’ambiente, agli ecosistemi e alla biodiversità. Adottiamo ovunque le migliori tecnologie facendo leva sulla ricerca e l’innovazione per esplorare sempre nuove soluzioni: non solo monitoriamo ogni giorno decine di migliaia di parametri in tutti i nostri siti operativi in Italia e nel mondo, ma studiamo nuove metodologie di prevenzione in un ciclo di miglioramento continuo.
La sfida ora è di costruire un futuro in cui tutti possano accedere alle risorse energetiche in modo sostenibile. Per farlo, nel 2015, abbiamo gettato le basi per conseguire con determinazione un modello low carbon.

 

In occasione della COP 21, abbiamo riconosciuto lo scenario +2° e abbiamo adeguato la nostra strategia sulla lotta al cambiamento climatico potendo contare su un portafoglio e una strategia di sviluppo che assicurano la massima resilienza in scenari di progressiva de-carbonizzazione.

La nostra crescita organica si basa su un portafoglio di asset convenzionali e dal 2010 abbiamo ridotto del 28% le nostre emissioni GHG. Per il futuro miriamo ad una ulteriore riduzione del 43% dell’indice di emissioni upstream riducendo il flaring e le emissioni fuggitive di metano ed aumentando l’efficienza energetica.

Investiamo nella catena del gas, la fonte fossile col minor contenuto di carbonio, costruendo grazie alle recenti scoperte un portafoglio a crescente quota gas, a partire dall’attuale 58% di risorse (3p+ contingent).
Siamo convinti che il gas naturale possa contribuire a soddisfare buona parte del crescente fabbisogno mondiale di energia e che sia la fonte ideale da affiancare alle rinnovabili. In quest’ottica abbiamo creato la nuova Direzione Energy Solution, la cui missione è valutare e sviluppare opportunità di crescita nel business delle rinnovabili. Questo aumenterà la nostra capacità di risposta alla domanda di energia delle comunità locali.

 

Infine siamo attivamente impegnati nel richiedere un carbon pricing a livello globale che porti alla progressiva riduzione dell’uso delle fonti più inquinanti e, attraverso la Oil and Gas Climate Initiative, abbiamo promosso un’azione congiunta con le altre compagnie del settore energetico per trovare soluzioni concrete per ridurre le emissioni.
Nella ricerca di queste soluzioni noi adottiamo la massima trasparenza e chiarezza nei confronti di tutti gli interlocutori attraverso la realizzazione di un dialogo continuo e proattivo e l’applicazione di misure a tutela di un business sano e condiviso.

 

Promoviamo un approccio trasparente nella conduzione del business anche aderendo all’Extractive Industries Transparency Initiative (EITI) e svolgendo un ruolo di facilitazione con i Governi dei Paesi che non hanno ancora aderito formalmente all’iniziativa. Il nostro impegno in questa direzione ci ha portato a sostenere con determinazione la pubblicazione volontaria dei pagamenti nei Paesi di operatività, nella convinzione che la trasparenza sia il prerequisito per combattere la corruzione internazionale.

 

La responsabilità sociale di impresa per Eni si sostanzia con un approccio aziendale durevole e sostenibile ma, soprattutto, con la nostra cultura aziendale, un tratto distintivo che connota ogni lavoratore Eni ed è ciò che ci rende credibili ed apprezzati nei Paesi in cui operiamo e che ci permetterà di costruire un futuro di crescita sostenibile.

 

(Messaggio agli Stakeholder – AD Claudio Descalzi)