rosso rettangolo Graziella inaugura la prima centrale a “zero emissioni”

2 Febbraio, 2018

Il primo impianto geotermico a impatto zero in Italia sarà costruito in Toscana, e a realizzarlo sarà Graziella Green Power in sinergia con le filiali italiane del gruppo ENGIE, Storengy e ENGIE Italia.

La centrale avrà una potenza di 5 MW e adotterà una soluzione innovativa per azzerare gli impatti in atmosfera. Il flusso geotermico utilizzato dalla centrale sarà totalmente re-immesso nel sottosuolo insieme alla CO2 e ad altri gas, in un ciclo produttivo a scarto zero. La nuova centrale sarà equipaggiata con la tecnologia BHGE-Nuovo Pignone, che fornirà una turbina sviluppata per l’Oil&Gas adattandola al settore geotermico.

La scelta di costruire una centrale geotermica di tale portata in Toscana persegue l’idea di valorizzare le risorse geotermiche presenti nel sottosuolo della regione, così come confermato dal presidente della società con sede ad Arezzo, Giovanni Battista Gori: «La Toscana è uno dei poli geotermici più importanti al mondo dunque il progetto è orientato a valorizzare questa ricchezza con una centrale ecocompatibile, a zero emissioni e in armonia con il contesto paesaggistico, che aprirà in Italia nuove frontiere e nuovi sviluppi per il settore, con l’ambizione di continuare anche in futuro a realizzare altre centrali come quella di Castelnuovo Val di Cecina».