Ami-Mozambico: una grande esperienza formativa

Numero 3, 2015

 

Manuel, Helio, Jorge, Gizela, Ivan, Énnio, questi i nomi dei sei studenti mozambicani che insieme a un docente dell’Università A. Mondlane di Maputo, Prof. De Almeida, hanno seguito il Corso di formazione tecnico-professionale presso la Assoil School a Viggiano, grazie al Protocollo operativo del 2012 tra Assomineraria e l’Università mozambicana e al supporto di dieci aziende del Settore Beni&Servizi dell’Associazione.

 

Quattro studenti di ingegneria e due di geologia tutti al di sotto dei trent’anni che, dopo quattro settimane di lezione in aula, hanno terminato questa esperienza con due settimane di stage presso le aziende sponsor dell’iniziativa. “Un’esperienza unica per noi, finalizzata ad accrescere conoscenze e competenze utili allo sviluppo del settore oil&gas in Mozambico”, questa l’idea comune tra i giovani universitari che riconoscono le potenzialità legate a quest’industria nel loro paese. Gizela – l’unica studentessa del gruppo – ha ribadito che “si tratta di un’opportunità irripetibile per dare un contributo forte allo sviluppo economico di tutto il nostro paese, visto che l’industria petrolifera inizia a crescere sempre di più in Mozambico, e quindi le competenze tecniche acquisite durante il corso risulteranno fondamentali per ognuno di noi”.

 

Le lezioni hanno riguardato diversi argomenti, dalle modalità di perforazione alla costruzione e manutenzione degli impianti. Particolare attenzione ai temi legati alla sicurezza e all’ambiente, “argomenti fondamentali per le compagnie che operano nel settore upstream, e quindi prioritari per Assomineraria e la formazione in Assoil School”, come li ha definiti il Presidente della scuola e del Settore Beni&Servizi Sergio Polito che ha fatto visita ai ragazzi a Viggiano. Dopo aver ringraziato la direttrice della scuola Ida Leone, che ha contribuito all’ottima riuscita di questo primo esperimento in Basilicata, Polito ha sottolineato che “Assomineraria punta fortemente sul training professionale ed è per questo che crede che l’asse formativo avviato con questo corso possa rendere il contatto degli studenti con le compagnie e le imprese che operano in Mozambico molto strategico. I progetti dell’Associazione sulla formazione – magari da sviluppare anche a Pemba – continuano e, grazie agli ottimi risultati di questo primo traguardo, diventano sempre più ambiziosi”.